Basso, un santo «in barca»

L’intensa relazione di Termoli con il mare e degli uomini di mare con la fede è testimoniata il 3 e 4 agosto di ogni anno dalla festività di San Basso – uno dei santi che abbiamo definito «in barca», protettore dei pescatori e qui venerato da almeno il XII secolo, che si vuole originario di Nicia (Nizza) della quale sarebbe stato vescovo –, una ricorrenza celebrata dalla processione di barche e pescherecci festosamente addobbati in suo onore, che non termina con il rientro in porto ma prosegue lungo le vie del borgo antico fino ad entrare nel vivace mercato ittico. Qui la sua statua viene deposta sino al giorno successivo. Di incerte origini, il suo culto è diffuso in diverse città italiane del litorale adriatico, tra le quali Cupra Marittima (Ascoli Piceno).

Nel corso delle celebrazioni che si svolgono nei due giorni a lui dedicati il momento più suggestivo è ovviamente quello della processione nel mare (nell’immagine l’attesa della partenza); qui il simulacro del Santo, sistemato sul peschereccio prescelto a sorte e riccamente addobbato, viene portato in mare accompagnato dalla flotta intera. La cerimonia vuole rammentare un’antica tradizione secondo cui alcuni pescatori rinvennero nel mare di Termoli, in un sarcofago di marmo, le spoglie di del Santo, secoli addietro parzialmente privato di alcune parti, quando città e chiese usavano spartirsi le supposte reliquie.

A rendere più intricata la sua leggenda è il San Basso di Lucera, forse lo stesso Santo le cui spoglie sarebbero state trafugate dai termolesi desiderosi di conservarne i resti: un copione che si ripete con San Marco e Santa Eufemia, venerata a Rovigno d’Istria e ad Alba Adriatica (Teramo), della quale prossimamente ci occuperemo.

Il vescovo Basso era venerato anche a Venezia, ove gli fu dedicata una chiesa risalente al XII secolo, più tardi riprogettata in forme barocche dal Longhena e ai nostri giorni “convertita” a sala da musica e da congressi, sede dell’Ateneo di San Basso. Quanto a viaggi per mare, questi Santi ne hanno affrontati e raccontano della  fede e della speranza degli uomini.

SanBasso1

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *