Felice Anno nuovo con la «torta Velat» e un salutare sorso di «nocino goriziano» !

Non azzardiamo suggerire un pranzo completo per il giorno di fine anno, tante sono le proposte nel nostro antico ricettario, ma un dolce in particolare ci incuriosisce, che prendeva il nome –si legge in nota– da «Antonio Velat, rinomato capocuoco del Lloyd Triestino». Oggi avrebbe l’appellativo di «chef» nelle mega-navi da crociera a 20 piani.[…]

Gennaio 2019 – A Trieste l’arte del desiderio di Metlicovitz

La città di Trieste dedica, nel 150° anniversario della nascita di Leopoldo Metlicovitz, la prima grande retrospettiva monografica “Metlicovitz. L’arte del desiderio. Manifesti di un pioniere della pubblicità”. La rassegna  resterà allestita al Civico Museo Revoltella e al Civico Museo Teatrale “Carlo Schmidl” fino al I7 marzo 2019. Autore di decine di manifesti memorabili, dedicati a[…]

Gennaio 2019 – Senigallia, capolavori dal ’400 al ’700

Le opere di Crivelli, Perugino, Giaquinto provenienti dalle pinacoteche terremotate della zona dei Sibillini sono esposte a Senigallia, nelle sale di palazzo del Duca (19 ottobre-3 marzo). Si intitola “Dai monti azzurri all’Adriatico. Crivelli, Perugino, Giaquinto” la mostra curata da Stefano Papetti che racchiude capolavori dal ’400 al ’700, dal Rinascimento al Barocco, per un[…]

I segreti del bunker di Tito finanziato dagli Stati Uniti

Doveva preservare “Lui”, il grande Maresciallo e la sua nomenklatura più stretta, dagli attacchi del nemico. Doveva avere un aeroporto nei pressi e risultare difficile da essere colpito da terra, aria e mare. Fu così che nel 1953 iniziarono i lavori nella montagna dello Zlatar vicino a Konjic, nel cuore della Bosnia-Erzegovina, per costruire il[…]

Addio allo scrittore Roberto Stanich

Lo scrittore istriano esule Roberto Stanich, apprezzatissimo autore di racconti dialettali, molti dei quali pubblicati sin dal suo esordio letterario dal nostro quotidiano, è purtroppo venuto a mancare a Milano. Appassionato e cultore d’arte, storia e tradizioni popolari, collaborò con associazioni e riviste d’arte e cultura, partecipando a dibattiti e incontri in Istria, a Fiume,[…]

Guerra e pace, sulle tracce della memoria a cento anni dall’Armistizio

Battaglia del Solstizio, Vittorio Veneto, San Pelagio, Villa Giusti. Sono i luoghi in cui si sono decise le sorti della Grande Guerra, di cui terminano quest’anno le celebrazioni del Centenario. Dopo aver ricordato nel 1917 la disfatta di Caporetto, oggi Kobarid, graziosa cittadina slovena vocata allo sport, nel 2018 si ricordano gli avvenimenti dell’ultimo anno[…]

Fiume, città di passione

Fu Gabriele D’Annunzio a definire Fiume “città di passione”, inserendola nella narrazione revanscista della “vittoria mutilata” del primo dopoguerra. In realtà Fiume fu una “città di passione” ben al di là del momento dannunziano, perché la città quarnerina è stato il topos in cui si concentrarono alcune delle dinamiche tragiche della lunga contemporaneità dell’Europa di mezzo: conflitti[…]

Il Veneto nei luoghi di scrittori e poeti

«Saltarono nel battello e presero il largo, remando lentamente e in silenzio. Un’oscurità profonda, resa densa da una nebbia pestilenziale che ondeggiava sopra i canali, le isole e le isolette, copriva le Sunderbunds e la corrente del Mangal. A destra ed a sinistra si estendevano masse enormi di bambù spinosi, di cespugli fitti, sotto i[…]

Il Carso entra nell’Unesco, i muretti a secco dichiarati patrimonio dell’umanità

La notizia è apparsa sul profilo Twitter proprio dell’ente mondiale che si occupa di proteggere la bellezza della cultura nel mondo. L’arte del muretto a secco – si legge nella motivazione – riguarda tutte le conoscenze relative alla costruzione di strutture di pietra ammassando le pietre una sull’altra e senza usare alcun altro elemento tranne, a volte, terra secca.   leggi[…]

L’ingegnere costruttore dei Murazzi, l’uomo che difese Venezia dal mare

Non esiste veneziano o amante di Venezia che non sappia cosa siano i Murazzi, che non vi sia stato almeno una volta (almeno per prenderci il sole d’estate) o che, nella peggiore delle ipotesi, non ne abbia sentito parlare. Eppure, di questa imponente opera ingegneristica e idraulica settecentesca, che da secoli protegge la laguna dall’erosione[…]