Tra Adriatico e Balcani: Italia e Serbia dal precipitare della crisi balcanica alla vigilia della Grande Guerra

Nell’ambito degli studi consacrati alla posizione rivestita dall’Italia nell’Adriatico e alla sua proiezione verso altre zone del Mar Mediterraneo, il libro di Fabrizio Rudi, “Soglie inquiete. L’Italia e la Serbia all’inizio del Novecento (1904-1912)” (Mimesis Editore) sembra porsi in un’attitudine del tutto particolare. L’autore, come punto di partenza, ha affrontato, in maniera tradizionale, i rapporti diplomatici bilaterali fra l’Italia giolittiana e uno Stato balcanico fra i più vivaci in termini di programmi espansionistici e di sviluppo interno, ossia il piccolo Regno di Serbia subito dopo il ritorno cruento al trono di Belgrado della dinastia dei Karađorđević.

 

leggi  l’articolo

16http://lanostrastoria.corriere.it/2019/11/26/tra-adriatico-e-balcani-italia-e-serbia-dal-precipitare-della-crisi-balcanica-alla-vigilia-della-grande-guerra/?refresh_ce-cp

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *