Gianni Oliva: “La strada per trasformare la tragedia delle foibe in coscienza collettiva è ancora lunga”

Il 10 febbraio, è il giorno in cui nel 1947 è stato fu firmato il Trattato di pace che assegnò l’Istria, Fiume e le isole Quarnerine alla Jugoslavia. La stessa data, dal 2004, è per votazione quasi unanime del Parlamento l Parlamento “La Giornata del Ricordo delle foibe e dell’esodo giuliano-dalmata”: ha di fatto sdoganato un argomento che non si è mai trasformato in[…]

«Intitoliamo a Gabre Gabric il campo di atletica»

Nata in Dalmazia nel 1914, Ljubica «Gabre» Gabric si trasferisce a 9 anni negli Stati Uniti dove coltiva la passione per lo sport che la accompagna per tutta la vita. Nel 1932 torna in Dalmazia, a Zara, allora territorio italiano, e quattro anni dopo gareggia con la squadra azzurra alle Olimpiadi di Berlino: si classifica[…]

La foiba grande di Sgorlon per (ri)scoprire la verità

Nel 1992, Carlo Sgorlon pubblicava il romanzo La foiba grande. Come nota lo storico Gianni Oliva nella Postfazione alla nuova edizione Mondadori, all’epoca «le vicende del confine nordorientale sono ancora una storia negata: di foibe e di esodo si parla a Trieste e nelle comunità di profughi istriani e dalmati sparsi in Italia, ma non[…]

Posate a Trieste altre 21 Pietre d’inciampo in memoria delle vittime della Shoah

Ventuno nuove Pietre d’inciampo sono state posizionate dalla Comunità Ebraica a Trieste in memoria delle vittime della Shoah. Svolta una cerimonia itinerante che ha toccato svariati punti della città.   leggi  l’articolo , guarda il video https://ilpiccolo.gelocal.it/trieste/foto-e-video/2019/01/30/fotogalleria/le-pietre-d-inciampo-per-non-dimenticare-1.17705969

“Il confine divide ancora, ma solo qui”

Professore di storia contemporanea all’Università di Trieste, esperto degli scottanti temi che riguardano il confine orientale, tra i promotori negli Anni ’80 della revisione della storiografia relativa ai massacri delle foibe e all’esodo giuliano-dalmata, Raoul Pupo è il vincitore del Premio Friuli Storia col suo ultimo libro Fiume città di passione, uscito per Laterza. Una[…]

Consiglio Veneto per riconoscimento Unesco a Valpolicella

Il Consiglio regionale del Veneto ha votato all’unanimità una mozione affinché la Valpolicella, terra dei vini Amarone e Recioto, concorra ad entrare nei siti riconosciuti dall’Unesco. La mozione impegna la Giunta regionale a garantire ogni sostegno e, a partire dal bilancio regionale di previsione 2020, il finanziamento necessario, per la redazione dei dossier e per[…]

Casa Tartini a Pirano, apre il nuovo percorso museale

Il pezzo forte è il suo violino, protagonista assoluto nella magnifica sala dei paesaggi e dei fiori (così chiamata per le splendide pitture murali). Il prezioso strumento, di cui Giuseppe Tartini fu eccezionale virtuoso, chiude il nuovo percorso museale che si snoda all’interno dello storico edificio, sulla piazza principale di Pirano, dove Giuseppe Tartini nacque[…]

Veneto da scoprire: l’abbazia di Follina

Non solo Venezia o Cortina. Il Veneto “nasconde” una vastissima quantità di luoghi che spesso uniscono la maestosità e il fascino del paesaggio naturale alle bellezze artistiche e architettonica, racchiudendo in sé secoli di storia e cultura. L’abbazia di Follina (Treviso) è sicuramente uno di questi. Viene menzionata per la prima volta nel 1127, quando[…]

Venezia, nell’albergo più antico d’Italia

Il più antico albergo d’Italia è l’Hotel Cavalletto e Doge Orseolo di Venezia, nato come locanda nel 1200. Situato proprio dietro Piazza San Marco è stato inaugurato nel 1308 come albergo. Era frequentato dai dogi che si riposavano al ritorno delle loro battute di caccia al cinghiale. Ristrutturato nel 1800 è oggi un 4 stelle che ricorda ai[…]

Bradanini all’Edit: «Baluardo d’italianità»

“L’Edit è d’importanza cruciale per le sorti della Comunità nazionale italiana”. A dirlo è il Console generale d’Italia a Fiume, Davide Bradanini, in occasione della prima visita compiuta all’Ente giornalistico-editoriale degli italiani di Croazia e Slovenia, in seguito al suo insediamento nel capoluogo quarnerino, avvenuto lo scorso 7 gennaio. A porgere il benvenuto a Bradanini[…]