Fiume 2020: minoranze ai margini

Come già più volte sottolineato, in barba al decantato slogan “Il porto della diversità”, nel programma di Fiume Capitale europea della cultura 2020, per la diversità linguistica e culturale non c’è spazio, o solo briciole, per le minoranze nazionali, inclusi gli italiani autoctoni, da sempre sul territorio. Lo stanno sottolineando non solo singoli esponenti o le istituzioni della Comunità italiana, ma anche persone appartenenti al popolo di maggioranza, con incarichi di vario genere. Tra questi Zvonimir Peranić, presidente del Comitato cittadino per la cultura. Nelle dichiarazioni rilasciate a “La Voce del Popolo” parla di marginalizzazione delle minoranze, non ultima la Comunità italiana che si è vista bocciare i tre programmi culturali proposti. Più pesanti le critiche di Abdon Pamić oggi 87.enne, campione olimpico ed europeo di marcia, originario di Fiume.

 

leggi  l’articolo

https://capodistria.rtvslo.si/news/comunita-nazionale-italiana/fiume-2020-minoranze-ai-margini/513911

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *