«La storia dell’arte offre una nuova percezione di Fiume»

Nei decenni passati Fiume era percepita come una città industriale, non troppo bella e pressoché priva di monumenti storico-culturali degni di nota, appartenenti a epoche passate, salvo alcune chiese. Un po’ più di attenzione era rivolta ai palazzi di stile eclettico e Liberty costruiti nel XIX e all’inizio del XX secolo, ma generalmente l’impressione era che Fiume non avesse molto da offrire e che effettivamente in città non ci fosse molto da vedere. Negli ultimi anni, però, questa percezione sta progressivamente cambiando, complice una serie di scavi archeologici che hanno portato alla luce una nuova dimensione della città – quella appartenente all’antichità, con la realizzazione del Parco archeologico dietro all’Arco romano e il rinvenimento dello splendido mosaico tardoantico ai piedi del campanile della chiesa dell’Assunzione della Beata Vergine Maria […]

leggi l’articolo

https://lavoce.hr/cultura-e-spettacoli/nina-kudis-la-storia-dellarte-offre-una-nuova-percezione-di-fiume

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *