Addio a Mario Schiavato, colonna portante della minoranza italiana

Lutto nel mondo della cultura degli italiani dell’Adriatico orientale. Addio a Mario Schiavato, una delle voci più genuine e rappresentative della contemporanea letteratura istro-quarnerina, uno dei grandi autori della letteratura italiana di queste terre – nell’ampio saggio dedicato all’autore nell’opera “Le parole rimaste”, Roberto Dobran e Irene Visintini l’hanno definito una vera colonna portante della minoranza italiana – e non solo. Nato nel 1931 a Quinto di Treviso, a causa del conflitto mondiale, nel 1942 si è trasferito con la famiglia a Dignano, dove ha trascorsogli anni della sua adolescenza, durante i quali ha sviluppato sentimenti profondi nei confronti del posto, che lo hanno segnato e formato come persona. Dopo la fine del conflitto, la famiglia Schiavato è ritornata in Italia, ma lui è rimasto, trasferendosi di lì a poco nel capoluogo quarnerino e rimanendovi fino ai giorni nostri.

Leggi l’articolo

https://lavoce.hr/cultura-e-spettacoli/addio-a-mario-schiavato-colonna-portante-della-minoranza-italiana

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *