Prorogata a giugno la mostra su D’Annunzio all’IRCI di Trieste

L’Istituto Regionale per la Cultura Istriano-fiumano-dalmata di Trieste (IRCI) comunica la proroga della mostra su Gabriele D’Annunzio fino al 19 giugno, grazie al vasto successo di partecipazione da parte del pubblico.

Nelle sale di Via Torino 8 gli orari di apertura rimangono invariati: 10.30 – 12.30 e 16.30 – 18.30, dal lunedì al venerdì.

Il percorso dannunziano proposto dall’IRCI avrà un momento di incontro con il pubblico martedì 24 maggio alle ore 17.30, sempre presso il museo in via Torino 8, con la presentazione del libro di Harukichi Shimoi, Un samurai a Fiume, curato da Guido Andrea Pautasso.

LEGGI TUTTI I DETTAGLI http://www.imagazine.it/eventi/40714

Zara: torna alla luce l’acquedotto di Traiano

Nei pressi di Zara, l’antica Iadera, durante i lavori di ampliamento della zona industriale, gli scavi hanno fatto riemergere quello che dovrebbe essere un acquedotto risalente all’epoca dell’imperatore Traiano, tra il 98 e il 117 d.C.

I lavori sono stati bloccati ed è in corso l’analisi della struttura.

LEGGI L’ANTEPRIMA DELL’ARTICOLO SU “IL PICCOLO”

https://ilpiccolo.gelocal.it/trieste/cronaca/2022/05/17/news/torna-alla-luce-vicino-a-zara-l-acquedotto-di-traiano-1.41446621

LEGGI L’ARTICOLO SULLA STAMPA CROATA

https://zadarski.slobodnadalmacija.hr/zadar/4-kantuna/u-gazenici-je-pronaden-najduzi-komad-trajanovog-akvadukta-kroz-njega-je-prije-2000-godina-voda-iz-40-km-udaljenog-vranskog-jezera-dolazila-u-zadar-1193099

Micich: la Zeta della vergogna e i giuliano-dalmati

Giusto ricordare -nell’attuale crisi Russo-Ucraina- la dolorosa vicenda degli esuli giuliano-dalmati“.  Lo sottolinea sentitamente Marino Micich, direttore dell’Archivio-Museo storico di Fiume in Roma, che nell’occasione porge inoltre i complimenti a Matteo Carnieletto (nuovo direttore de “Il Dalmata”) per il suo contributo di informazione e di verità con la recente conferenza “Dieci anni di guerra: dalla Siria all’Ucraina”.

Ritengo molto pertinente l’accostamento di questi drammi bellici odierni con la vicenda dei giuliano-dalmati, asserisce Micich, quei 300.000 – 350.000 che dopo secoli di storia e permanenza autoctona in Istria, a Fiume e in Dalmazia sono stati travolti, ma non completamente cancellati, dall’ideologia totalitaria comunista. I nazionalismi -prosegue Micich- quando strumentalizzano il legittimo  sentimento di amore di Patria portano guerra e sopraffazione”.

La storia ce lo ha insegnato, bisogna costruire una nuova solidarietà tra popoli europei, ma senza le pesanti derive ideologiche totalitarie. Di qualunque colore esse siano, le dittature esse rimangono tali. Ogni giuliano-dalmata che si consideri democratico e libero, istintivamente si discosta dal simbolo della Zeta utilizzato dalla propaganda russa, perché pur essendo fermamente contrario all’eredità del nazismo, vede in questo simbolo utilizzato da Putin una strumentalizzazione ingiusta, un’etichetta di infamia incollata al popolo ucraino, solo per giustificare un atto di aggressione unilaterale. Putin e le sue Zeta ricordano, a chi conosce la storia molto da vicino, anche i comunisti jugoslavi di Tito e quelli italiani, che per decenni hanno definito e continuano tuttora a definire “fascista” il popolo giuliano-dalmata, per nascondere i crimini  di ogni genere commessi in nome del comunismo e della fratellanza tra i popoli“.

Fa dispiacere il discutibile esempio della Zeta del disonore a Zagarolo, nei pressi di Roma, con la sede del “PCI Monti Prenestini-Nettunense” che utilizza la Zeta di Putin per ricordare un avvenimento storico molto importante. Vediamo aprirsi la strada di una nuova  strumentalizzazione ai danni della verità storica. Se il comunismo sovietico ha contribuito a sconfiggere il nazismo e il fascismo, esso ha poi  costruito un nuovo sistema totalitario causando milioni di morti e abolendo ogni libertà critica di pensiero con la pena di morte e le deportazioni nei lager siberiani. Possibile che il PCI di Zagarolo non mediti a dovere cosa sta succedendo? La storia va conosciuta tutta prima di assumere anacronistiche e dannose posizioni di parte. Putin non è nemmeno più comunista nel senso storico della parola, ma un russo che fonda il suo operato sull’imperialismo degli zar“.

Le Foibe istriane, riempite di cadaveri dai comunisti di Tito durante e dopo la Seconda guerra mondiale, sono un esempio, un monito a noi molto vicino che ci invita a riflettere anche su queste pagine di storia. Riflettere e ponderare attentamente e con spirito democratico per costruire una via alternativa alla guerra quale soluzione dei problemi tra i popoli e i sistemi politici internazionali. La Zeta è un marchio di infamia che almeno in Italia non vogliamo vedere, recando sicuramente disdegno a chi lo utilizza e non a chi lo subisce. Affrontare la crisi  russo-ucraina con questi argomenti, conclude Micich, porta solo confusione e sgomento“.

Lucca: accoglieva i profughi giuliano-dalmati, ora è uno spazio espositivo

Lo Spazio Cavallerizza di Lucca ha una lunga storia che parte dai primi dell’800 e che passa anche per l’accoglienza ai profughi istriani, fiumani e dalmati alla fine della seconda guerra mondiale. Ora, ristrutturato, è diventato uno spazio espositivo per mostre temporanee.

LEGGI L’ARTICOLO

https://www.lanazione.it/lucca/cronaca/realizzato-nell800-poi-per-profughi-istriani-e-palestra-1.7664802

Pola. Torna l’operetta italiana al Teatro Nazionale Istriano

Dopo il Covid, a Pola “La serva padrona” di Pergolesi riapre le porte del Teatro con gli studenti delle classi terza, quarta e quinta dell’Accademia di musica. La prima il 14 maggio.

LEGGI L’ARTICOLO

https://lavoce.hr/cultura-e-spettacoli/pola-loperetta-fa-ritorno-al-teatro-nazionale-istriano

(nella foto l’edificio che ospita il teatro)

Ministero Istruzione: Seminario online per docenti su “L’agonia di Pola e l’Esodo”

Venerdì 6 maggio 2022 un seminario online sulle vicende di Pola alla fine della seconda guerra mondiale. E’ organizzato dal Ministero dell’Istruzione e dalle Associazioni degli Esuli, con lo scopo di aggiornare i docenti delle scuole di ogni ordine e grado.

Interverranno tra le ore 16 e le ore 18 il Prof. Roberto Spazzali, l’Ing. Tito Sidari, Salvatore Palermo (esule da Pola). Modererà la giornalista di origini polesane Lucia Bellaspiga. Al termine sarà possibile porre domande.

Le iscrizioni gratuite vanno effettuate entro il 4 maggio.

LEGGI TUTTI I DETTAGLI

http://www.resegoneonline.it/articoli/seminario-online-per-docenti-lagonia-di-pola-e-lesodo-20220430/

Rovigno premiata da Venezia

Per i festeggiamenti dei 1600 anni della città lagunare.

Ma non certo solo per questo, come ha sottolineato il sindaco di Venezia. I legami storici tra l’istriana Rovigno e Venezia sono ben più antichi.

LEGGI L’ARTICOLO

https://lavoce.hr/cronaca/cronaca-istriana/a-rovigno-il-premio-della-citta-di-venezia

A Pordenone “Istria, musica di confine”

Nella città friulana una serie di eventi musicali dedicati all’Istria e alla sua evoluzione musicale nei vari periodi storici che l’hanno attraversata.

LEGGI L’ARTICOLO

https://www.ilfriuli.it/articolo/spettacoli/istria-musica-di-confine-a-pordenone/7/264724

La Pasqua nell’arte e nell’archeologia istriana

Parenzo, Rovigno, Montona, Visinada, Pola, Capodistria e tante altre località in cui la Pasqua è raffigurata nelle opere che l’arte e l’archeologia ci propongono e che vengono sottolineati da La Voce del Popolo in un intervista allo storico dell’arte e archeologo Marino Baldini.

LEGGI L’ARTICOLO

https://lavoce.hr/reportage/la-pasqua-nellarte-e-nellarcheologia-istriane

Novara: concerto in ricordo del compositore istriano Luigi Dallapiccola

Le note del compositore istriano Luigi Dallapiccola (Pisino 1904 – Firenze 1975) risuoneranno giovedì 21 aprile 2022 al Teatro Taraggiana di Novara, in uno dei concerti che ricordano il Novecento musicale in Italia.

Sarà possibile ascoltare anche i compositori del primo Novecento francese, Ravel e Debussy, ai quali Dallapiccola si ispirò e studiò durante gli anni Venti, prima di arrivare alla svolta che ebbe all’ascolto del “Pierrot Lunaire” di Arnold Schoenberg.

Ad esibirsi il gruppo cameristico novarese “Iri da Iri”, che trae il suo nome da un verso dantesco e richiama le tecniche di simmetrie melodiche e inversioni rifesse frequenti nella tecnica dodecafonica del compositore istriano Luigi Dallapiccola. 

LEGGI L’ARTICOLO

https://www.novaratoday.it/eventi/concerto-tetraktys-faraggiana-21-aprile-2022.html