Diventa un film la vita di Mons. Santin, difensore di Trieste e Capodistria

Il vescovo che difese la sua diocesi (e ne pagò le conseguenze) viene rievocato da una produzione cinematografica della Venice Film che ne ricostruisce la vita attraverso documenti d’archivio e testimonianze degli storici.

LEGGI L’ARTICOLO

https://ilpiccolo.gelocal.it/tempo-libero/2022/04/30/news/diventa-un-film-la-vita-di-santin-il-vescovo-difensore-di-trieste-1.41409040

Felice Ziza rieletto al parlamento sloveno

Il seggio degli italiani a Lubiana viene confermato.

Felice Ziza è stato eletto per la seconda volta al parlamento sloveno, nel seggio che spetta di diritto alla minoranza italiana.

Per molti anni prima di lui era toccato a Maurizio Tremul, sconfitto anche a questa tornata, ma che resta presidente dell’Unione Italiana, l’associazione della comunità degli italiani in Slovenia.

LEGGI L’ARTICOLO

https://ilpiccolo.gelocal.it/trieste/cronaca/2022/04/25/news/felice-i-a-eletto-rappresentante-della-comunita-italiana-al-parlamento-di-lubiana-1.41397009

Il Consiglio d’Europa bacchetta la Croazia sulla lingua italiana

Ha fatto qualcosa ma si può fare di più. Questo in sintesi il rimprovero giunto dal Consiglio d’Europa sul bilinguismo in Croazia.

Le amministrazioni locali stentano nell’applicazione e talvolta si mettono letteralmente di traverso.

Le considerazioni degli Esuli e degli esperti.

LEGGI L’ARTICOLO

https://www.ilgiornale.it/news/mondo/croazia-c-ancora-tanto-fare-tutelare-lidentit-linguistica-2028385.html

Il Vaticano (e non la Croazia) ha scelto il nuovo vescovo di Zara

La diocesi di Zara è l’unica della Croazia sotto il diretto controllo della Santa Sede e non della Conferenza Episcopale croata. Per questo le nomine vengono seguite sempre con molta attenzione.

Al parroco di Parenzo, Milan Zgrablić, toccherà il compito di guidare la diocesi di 3mila kmq e oltre cento parrocchie. Ha studiato a Pisino, Zara, Fiume e Roma.

LEGGI L’ARTICOLO

https://lavoce.hr/attualita/il-parocco-di-parenzo-nominato-arcivescovo-coadiutore-di-zara

Fondi europei per la Comunità italiana di Zara

Potenziamento dell’asilo italiano a Zara e rafforzamento del volontariato.

Questi i progetti che hanno ottenuto il beneplacito ai fondi UE di circa 170mila euro in favore della Comunità degli Italiani a Zara.

LEGGI L’ARTICOLO

https://lavoce.hr/attualita/finanziamenti-europei-la-ci-di-zara-ci-prende-gusto

Celebrato lo Statuto Istriano della convivenza

A Parenzo ricordata l’approvazione dello Statuto Istriano, frutto di una travagliata vicenda tra gli anni ’90 e il 2001.

Anche la Comunità italiana fa la sua parte, per quanto molto lavoro ci sia ancora da fare per un’applicazione completa delle norme sull’autonomia.

LEGGI L’ARTICOLO

Mattarella e Pahor a Trieste per “l’Europa possibile”

A Trieste riparte in questi giorni “l’Europa Possibile” del nostro Presidente Sergio Mattarella e del Presidente sloveno Pahor.

Marino Micich, della Società di Studi Fiumani e direttore dell’Archivio-Museo storico di Fiume a Roma, in merito assicura di essere personalmente in piena sintonia con il nostro Presidente della Repubblica per l’apertura di nuove vie di dialogo con la vicina Slovenia;  anzi “è auspicabile una sua visita nel 2023 in Croazia e quindi a Zagabria, a Fiume e a Pola per salutare  in queste ultime due città la nostra minoranza italiana“.

Sono più di trent’anni che la Società di Studi fiumani-Archivio Museo Storico di Fiume e l’Associazione Fiumani italiani nel mondo – LCFE fondate da esuli fiumani, stanno costruendo un dialogo denso di iniziative e di risultati a Fiume, unico nel suo genere nel settore europeo orientale“.

La visita del nostro Presidente Mattarella -ribadisce Micich- aprirebbe nuove vie di dialogo e cooperazione con la Croazia, senza dimenticare la nostra minoranza italiana e quegli organismi degli esuli fiumani, istriani e dalmati rivolti al dialogo“.

Nella foto il Corso a Fiume

“Istria slovena” o “Istria” e basta?

Che l’Istria sia divisa tra Italia, Slovenia e Croazia è un dato di fatto. Ma su come chiamarla non tutti sono d’accordo.

Se n’è parlato in Slovenia in un partecipato dibattito organizzato dalla Comunità degli Italiani a Pirano. Molteplici le argomentazioni e gli interventi autorevoli per dirimere la questione del toponimo più corretto.

LEGGI L’ARTICOLO

https://lavoce.hr/attualita/no-a-istria-slovena-istria-unica-opzione

Esule istriano, solo e sfrattato a 82 anni

A Firenze i cavilli mettono alla prova un Esule dopo cinquant’anni di vita nella casa assegnatagli grazie alla qualifica di profugo.

Una incredibile sequenza di atti lo mette oggi alla porta, nonostante avesse regolarmente pagato il riscatto del suo appartamento.

LEGGI L’ARTICOLO

Il Campo profughi di Servigliano elevato a Monumento nazionale

Il 21 marzo scorso la Gazzetta Ufficiale ha pubblicato la Legge 20/2022 che dichiara “Monumento nazionale” il Campo profughi di Servigliano (Fermo). Nel secondo dopoguerra, fino al 1955, vi transitarono oltre 50.000 persone, tra cui molti Esuli dall’Istria, Fiume e Dalmazia.

Una breve storia del Campo, che fu adibito nei decenni a diverse mansioni, è riassunta nel testo di accompagnamento del Disegno di Legge, che potete leggere tramite il link sottostante.

https://www.senato.it/japp/bgt/showdoc/REST/v1/showdoc/get/fragment/18/DDLPRES/0/1142701/all