Il mare Adriatico lancia un grido d’allarme

Il mare Adriatico lancia un grido d’allarme con la voce della città di Dubrovnik: la città croata è al collasso, assediata dai rifiuti marini che, favoriti dalla corrente, inquinano le sue acque arrivando direttamente dall’Albania. L’Adriatico è infatti percorso da un flusso marino che entrando dal canale d’Otranto risale la costa orientale, per poi lambire il Friuli Venezia[…]

Un pesce su cinque del Mar Adriatico ha ingerito microplastiche

Dalle indagini emerge che la stragrande maggioranza dei rifiuti arriva da terra e dalle attività legate alla navigazione (diporto, trasporto commerciale e turistico), che tutti i pescatori pescano rifiuti, per la maggior parte di plastica, e almeno il 20% dei pesci ha ingerito microplastiche. Il Mediterraneo è una delle aree con la maggiore presenza di microplastiche a livello mondiale. Più[…]

Santa Maria di Leuca: il luogo dove lo Ionio e l’Adriatico si abbracciano

Nei pressi di Santa Maria di Leuca, vicino al promontorio di punta Melisio, esiste una zona di mare in cui il confine tra Ionio e Adriatico in alcuni giorni è davvero ben visibile. La diversa salinità dell’acqua porta ad una differenza della colorazione delle acque dei due mari, che rende possibile individuare una vera e propria linea di demarcazione[…]

Assegnata a Grado la 32.ma Bandiera Blu: è record italiano

È stata assegnata per la 32esima volta la Bandiera Blu a Grado, che conquista così il record italiano assieme alla ligure Moneglia. Confermato anche il secondo riconoscimento per il Fvg, quello di Lignano, alla sua 31.ma volta. Confermato anche il riconoscimento a Lignano, a quota 31. In tutto sono 195 i Comuni italiani “premiati” nel 2020,[…]

L’Arpae: il Mare Adriatico trasparente e “in gran forma”

Mare Adriatico trasparente e “in gran forma” in Emilia-Romagna, con quasi il 92% delle sue acque di balneazione definite “eccellenti”, oltre la media italiana (90%) ed europea (85%). Una buona premessa in vista della riapertura del turismo balneare a partire dal weekend. Questa la fotografia scattata dal rapporto dell’Arpae (l’agenzia regionale per l’ambiente)  in seguito[…]

Sentina, Progetto Crew: nuovi passi

Due appuntamenti svoltisi il 19 e 20 maggio hanno segnato un’ulteriore tappa per la realizzazione degli scopi del progetto Crew (Coordinated Wetland management in Italy – Croatia cross border region) che vede impegnate realtà di Italia e Croazia per la costruzione di un metodo di gestione integrata delle aree umide costiere. Mercoledì 20 maggio si[…]

MEDSALT”: a Pirano, per fare il punto sul “Gigante Salino” del Mediterraneo

Avrà luogo a Pirano (Slovenia), dal 25 al 27 febbraio 2020, il meeting finale del progetto MEDSALT, che per gli scorsi 4 anni si è occupato di indagare le cause, i tempi, i meccanismi di formazione e le conseguenze su scala locale e planetaria del più grande e recente “Gigante Salino” sulla Terra, un enorme strato di sale, risalente al Miocene (Messiniano), presente[…]

Arriva nuovo piano di gestione della pesca nell’Adriatico

I paesi del Mediterraneo s’impegnano ad una nuova gestione della pesca combattendo quella illegale e a tutelare gli ecosistemi marini minacciati, anche con misure specifiche per proteggere i coralli e preservarne le zone di riproduzione. Sono quindici le azioni salva “mare nostrum” (lo specchio marino più sovrasfruttato al mondo) e contro la pesca illegale adottate[…]

Biodiversità marina, Marche coordinano progetto Interreg Italia-Croazia

Esperienza molto positiva che rappresenta un ulteriore passo avanti nel percorso di gestione condivisa delle risorse ittiche in Adriatico”: è il commento dell’assessore all’Ambiente Angelo Sciapichetti in merito al progetto transnazionale ‘DORY’, concluso a Venezia, finanziato nell’ambito del programma Italia-Croazia 2014-2020 e coordinato dalla Regione Marche in collaborazione con le regioni italiane dell’Alto Adriatico Veneto,[…]