Aprile 2018 – Al Salone degli incanti di Trieste – Presentazione di UN MARE…DI LIBRI

Giovedì 19 aprile, alle ore 17.00 incontro con Marie-Brigitte Carre (Centre Camille Jullian- Aix Marseille Université) che presenta: Materiali per Aquileia. Lo scavo di Canale Anfora (2004-2005) a cura di F. Maselli Scotti, P. Maggi, S. Pesavento Mattioli, E. Zulini, 2018, Editreg. Il Canale Anfora costituiva una via di accesso ad Aquileia per le navi cariche di[…]

Molise, sul confine tra mare e terra

Una Regione quasi appartata il Molise, dalla storia antica ma poco conosciuta e un litorale lungo 35 chilometri, dalla foce del fiume Trigno a quella del torrente Saccione, già in vista della Puglia. Una costa dall’andamento omogeneo ad eccezione del promontorio sul quale sorge il nucleo antico di Termoli, il più noto centro balneare e[…]

Sostieni Carta Adriatica con una donazione

Se credi nel nostro servizio e nella nostra progettualità per l’Adriatico e la sua cultura, la sua storia e le sue tradizioni, sostienici con una donazione liberale di qualsiasi importo. Puoi versarla all’Associazione culturale Carta Adriatica con: bonifico bancario Iban IT21 F076 0103 2000 0103 4619 559 bollettino postale sul c/c 1034619559 carta di credito[…]

L’Adriatico come storia

di Egidio Ivetic Dell’Adriatico si sono date molte definizioni: un mare chiuso, un mare di passaggio, una frontiera tra Oriente e Occidente, un Mediterraneo in miniatura, un’insenatura nell’Europa centrale. In effetti, l’Adriatico può essere visto come una zona dove per secoli si sono intrecciati e sovrapposti molteplici confini di natura politica, culturale, religiosa e infine[…]

Settembre 2016 – L’Adriatico Orientale dalla Serenissima all’Impero

L’Adriatico Orientale dalla Serenissima all’Impero – Esposizione di una selezione cartografica dal 1500 al 1800 attraverso l’Archivio del Centro di Ricerche Storiche di Rovigno in occasione della 48a edizione di Barcolana. A cura di Claudio Rossit e Fabrizio Somma. Vernice martedì 4 ottobre, ore 18.30 presso la sede espositiva dell’Università Popolare di Trieste, Scuola Libera dell’Acquaforte[…]

Trieste, i clienti storici fanno rivivere 80 anni di tuffi all’Ausonia

Dalla foto di gruppo targata anni Trenta della squadra azzurra femminile di pallanuoto alla veduta panoramica dello stabilimento. Dal taglio del nastro in occasione di una delle tante inaugurazioni alla sala da ballo che ospitava le feste, passando per i tavolini gremiti del ristorante sistemati sulla terrazza. Una cinquantina di scatti, la maggior parte in[…]

Puglia, dove osano i melograni

È Taranto la patria italiana del melograno. L’oro rosso, simbolo di abbondanza e di longevità e ricco di molteplici proprietà terapeutiche e antitumorali, viene prodotto in buona parte nelle campagne del tarantino,territorio divenuto leader in Puglia (con una quota di impianti di circa il 70%) e in Italia (40%). È qui che alcuni produttori hanno trovato le condizioni ottimali per sviluppare una coltivazione innovativa, originaria dell’Iran e[…]

Agosto 2016 – Pesaro, al Museo della Marineria conferenza sull’età romana

Nella sede del Museo primo appuntamento culturale di Agosto, domenica 7 alle ore 17.00, conversazione di Giorgia Badiali, giovane archeologa, nonché membro del team operativo del Museo della Marineria di Pesaro, che illustrerà una panoramica, tra terra e mare, sugli insediamenti di età romana attraverso l’analisi dei ritrovamenti archeologici antichi e recenti. La proiezione di una[…]

La Goletta Verde di Legambiente arriva in Puglia

Primo appuntamento domenica 24 alle ore 20.30 in piazza Perotti a Castro per la consegna delle 5 vele della Guida Blu di Legambiente e Touring Club al sindaco. La Puglia sarà la nona regione toccata dal tour 2016 della Goletta Verde, la storica imbarcazione di Legambiente, che anche quest’estate è partita per difendere i mari e[…]

C’erano una volta i Balcani

C’erano una volta i Balcani: proprio come nell’incipit delle fiabe. C’erano, perché oggi non ci sono più. Scomparsi e sostituiti dall’Europa sudorientale, un’espressione puramente geografica, quindi asciutta, asettica, priva di pathos. Questa, in sintesi, la tesi dell’autore, slavista alla Northwestern University nell’Illinois. I Balcani sono tradizionalmente terre difficili da definire e soprattutto da capire. Troppo complessa la[…]