Marzo 2016 – L’impatto delle acque di zavorra sull’ecosistema marino

Rilevare la presenza di specie tossiche non indigene e possibili patogeni trasportati con le acque di zavorra che le navi scaricano in porto. Questi tra gli obiettivi del progetto strategico transfrontaliero Balmas (Ballast Water Management System for Adriatic Sea Protection) per tutelare l’Adriatico e il suo ecosistema. Finanziato dall’Unione Europea, il progetto si avvia alla conclusione dopo tre anni di attività. I risultati saranno presentati venerdì 11 marzo dalle ore 10 nella Sala Riunioni della Capitaneria di Porto di Trieste (Piazza Duca degli Abruzzi 4) in occasione dell’incontro “L’impatto delle acque di zavorra sull’ecosistema marino-Primo monitoraggio italiano delle ballast water nei principali porti dell’Adriatico”, organizzato da Ogs-Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale.

 

leggi l’appuntamento

https://gallery.mailchimp.com/d7283d306cfed311b8026de89/files/OGS_infoday_Balmas_110316.pdf

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *