Mose, la battaglia della pietra in un fiordo dell’Istria

Sull’altra sponda dell’Adriatico, nell’incantevole fiordo di Rakalj, svetta improvvisa una montagna tagliata a metà. Alta, squadrata, pietrosa, circondata solo da verdi colline e acque quiete. È la cava di Rakalj che qualcuno chiama «kameno cudoviste», mostro di pietra, per il fatto che precipita sul mare d’Istria del Quarnero come una slavina. Mostro e grande affare: seimila tonnellate di sasso estratto in cinque anni, 2.200 navi salpate dalle tre banchine, un giro d’affari di circa 30 milioni di euro.

 

leggi l’articolo

http://www.corriere.it/cronache/16_maggio_15/viaggio-fiordi-dell-istria-croazia-mose-venezia-fondi-neri-cave-f270866e-1a14-11e6-9602-cdda3c4dfb23.shtml

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *