“Mare corto” a Valona

Betoniere, blocchi di cemento, tubi, reti di ferro, fango. Al porto di Valona, il secondo dell’Albania, dopo quello di Durazzo, si costruiscono due nuovi moli, uno per il traffico passeggeri e l’altro per le merci, i cui volumi sono in espansione. Soldi e cantiere sono italiani. I primi, quindici milioni, li ha messi la Cooperazione italiana. Il secondo è gestito dall’azienda Piacentini. Lavori in corso anche sul lungomare. La città ne avrà presto uno moderno, più largo e accattivante dell’attuale. Si metterà in linea con Durazzo, dove di recente il waterfront è stato ripensato completamente.

 

leggi l’articolo

http://www.balcanicaucaso.org/aree/Albania/Mare-corto-a-Valona

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *