Trieste ebraica

Ed eccomi a Trieste, città che sognavo da anni di conoscere. Mi accoglie una giornata splendente, il meglio dell’estate. Basta guardare il mare e il golfo che svanisce nell’Istria per cogliere il carattere di questa comunità ebraica cosmopolita, la più europea e la più mista di tutto l’ebraismo italiano. Finalmente ci approdo grazie a Redazione aperta e a Guido Vitale, ma l’esperienza si allarga. Nel Museo ebraico a nome di Carlo e Vera Wagner, riallestito con efficacia da circa un anno, mi colpisce il salto cronologico dal 1300 (primo periodo in cui viene accertata la presenza degli ebrei a Trieste) al 1700. Trieste chiude i suoi ebrei nel ghetto tardi, a fine ’600.

 

leggi l’articolo

http://moked.it/blog/2016/07/20/rimeiscolando-trieste-ebraica/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *