Con Shakespeare nel ghetto di Venezia

Shylock non ha mai abitato da queste parti. E sì che la cronologia glielo avrebbe permesso. La prima rappresentazione del Mercante di Venezia è del 1605, l’istituzione del Ghetto risale al 1516: il Senato della Repubblica Serenissima prende la decisione in data 27 marzo, quattro mesi tardi – il 29 luglio, esattamente come oggi – il trasferimento degli ebrei veneziani nel «recinto» a loro riservato è ormai un fatto compiuto. William Shakespeare però non se ne cura. Fedele come al solito alle sue fonti novellistiche (in questo caso il trecentesco Pecorone di ser Giovanni Fiorentino), concentra l’azione del dramma attorno al Ponte di Rialto, dove effettivamente avevano sede i banchi di prestito prima che gli ebrei fossero tenuti a prendere casa nella gran piazza di Cannaregio.

 

leggi l’articolo

http://www.avvenire.it/Cultura/Pagine/GHETTO-.aspx

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *