Il turismo come veleno, il dibattito. Zaia: «Venezia a numero chiuso per i turisti»

Gentilissimo Professor Galli della Loggia,

le domande dirette e indirette che Lei mi pone, riferite sia ai delicati equilibri della città di Venezia, sia al caso Mose, richiedono un chiarimento. Per quanto riguarda i flussi turistici, la mia posizione è chiara. Io credo al numero chiuso. Venezia non può sopportare più di un certo numero di visitatori al giorno, quindi i flussi vanno rigorosamente regolamentati nei due unici punti di accesso a Venezia: piazzale Roma e la stazione ferroviaria.

 

leggi l’articolo

http://www.corriere.it/cronache/17_febbraio_16/venezia-numero-chiuso-turisti-9170cbfc-f3c2-11e6-a927-98376e914970.shtml?refresh_ce-cp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *