Lazzaretto Vecchio, l’isola in vita grazie ai volontari che aspetta il rilancio

Le acacie infestanti e i tappeti di ortiche non hanno ancora inghiottito la scritta in arabo, testimonianza degli scambi commerciali con il Medio Oriente, né la veranda dove il patriota Arnaldo Fusinato compose la celebre poesia «L’ultima ora di Venezia» e nemmeno l’affresco della Madonna con bambino, rimasto intatto tra intonaci pericolanti.

 

leggi l’articolo

http://nuovavenezia.gelocal.it/venezia/cronaca/2017/08/05/news/al-lazzaretto-vecchio-tira-aria-di-abbandono-1.15697900

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *