A zonzo per Trieste e dintorni

Tra brulle colline e il mare. Scivolando lungo il confine. Quello politico non c’è più, se non per qualche cippo e per i cartelli blu dell’Unione europea. Rimane quello linguistico. Lo riconosci dai cartelli stradali e dalla terra carsica che perde la luce del mare. Trieste è stato l’ultimo avamposto dell’Occidente e dell’Italia in una terra mista dove i cognomi hanno sonorità mediterranee, slave e germaniche, come gli occhi di chi ci vive, occhi forgiati dal vento e dai riflessi del mare.

 

leggi l’articolo

http://www.repubblica.it/viaggi/2017/09/20/news/trieste_e_dintorni_mete_da_scoprire_f-176004182/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *