“Amene e dolci colline” dell’Istria al tempo dell’Impero fra siccità, fatica e miseria

Nel Circolo dell’Istria, appartenente alla Monarchia asburgica, nel 1818 avevano inizio i lavori per la realizzazione del Catasto detto franceschino perché voluto dal sovrano Francesco I. Commissari affiancati da tecnici quali geometri e agrimensori percorreranno Diana De Rosa ci accompagna in questo viaggio da Muggia a Pola, da Pisino ad Albona, da Buje a Montona per arrivare fino alle isole del Quarnero in queste terre così vicine ma anche così lontane, per certi versi “esotiche”, negli scritti dei commissari imperiali. Cosa si mangiava, beveva, come ci si vestiva in estate o in inverno, cosa produceva la terra, cosa si vendeva ai mercati, com’erano le case, quanti e quali botteghe e attività erano presenti nei paesi e nelle città, nulla viene tralasciato dagli attenti osservatori asburgici. Una vividezza di dettaglio che ritroviamo anche nelle strepitose immagini – oltre 100 tavole acquarellate – riprodotte in questo prezioso volume.
LEGGI L’ARTICOLO
http://www.comunicarte.info/edizioni/product_info.php?products_id=99&osCsid=mcuh5qniblfk324siji0vilbn5

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *