Prosek croato, coro unanime: «Giù le mani dal nostro Prosecco»

Coldiretti e Unioncamere: «L’Europa deve intervenire». Moretti annuncia un’interrogazione alla Commissione Europea. Caner: «Stop Italian-sounding». Insorge il mondo delle bollicine venete dopo la richiesta della Croazia di riconoscimento della dicitura «Prosek» alla Commissione Europea e di pubblicare in gazzetta ufficiale la procedura per ufficializzare la menzione. Il grido d’allarme è trasversale, in primis da Coldiretti Veneto: «A pochi giorni dall’anniversario del riconoscimento Unesco per le colline del Prosecco arriva l’attacco al vino più venduto nel mondo. Coldiretti tuona sulle richieste di Zagabria: «Una decisione che rischia di indebolire la stessa Ue nei rapporti internazionali e sui negoziati per gli accordi di scambio dove occorre tutelare la denominazione Prosecco dai falsi come in Argentina e Australia. Il successo del Prosecco che ha messo a segno un aumento delle bottiglie esportate nel mondo dell’8% nel primo trimestre del 2021 ingolosisce i falsari con imitazioni diffuse in tutti i continenti»

L’eurodeputata vicentina del Partito Democratico Alessandra Moretti annuncia un’interrogazione urgente alla Commissione europea per fermare la richiesta: Il paragone con il vino croato è semplicemente improponibile, non so cosa sia venuto in mente al governo di Zagabria, ma certo si coprono di ridicolo».

Leggi l’articolo

https://corrieredelveneto.corriere.it/veneto/cronaca/21_luglio_02/prosek-croato-coro-unanime-giu-mani-nostro-prosecco-1c85900a-db50-11eb-aa9c-a53adda0e415.shtml

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *