Febbraio 2020 – Roma, Quartiere Giuliano Dalmata, «Famiglia e Ricordo», pietre d’inciampo per la Memoria

Nella ricorrenza del Giorno del Ricordo 2020 le associazioni dell’Esodo hanno inaugurato l’8 febbraio in Piazza Giuliani e Dalmati l’opera pavimentaria «Famiglia e Ricordo» costituita da circa 200 pietre sulle quali sono incisi i nomi delle famiglie giuliano-dalmate esuli dalla Venezia Giulia, Fiume e Dalmazia in conseguenza della firma del Trattato di Parigi del 10 febbraio 1947. Ai profughi approdati a Roma da quelle province assegnate nel secondo dopoguerra alla Jugoslavia titoista fu assegnato dal 1947 l’ex Villaggio operaio costruito per l’Esposizione Universale del 1942 e non completato, la cui abitabilità fu garantita dal lavoro volontario degli stessi esuli i quali poterono così poter iniziare una nuova vita operosa e autosufficiente. Ora «Famiglia e Ricordo», realizzato con l’autofinanziamento, costituisce un Monumento unico in Italia, a testimonianza  dell’esodo del 90% della popolazione autoctona italiana dalla Venezia Giulia, Fiume e Dalmazia e ne rappresenterà nel tempo il sacrificio e la memoria. L’opera prevede la posa di 350 mattonelle in travertino che riporteranno incise il nome delle singole famiglie e le relative città di provenienza.

Un successo corale, questa iniziativa promossa dall’Ass.ne «Giuliano Dalmata nel Cuore», con la collaborazione del Coordinamento delle associazioni per la tutela e la valorizzazione del Quartiere Giuliano Dalmata di Roma.

pietredinciampo

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *