I russi non hanno le Foibe per nascondere i massacri di civili

Ospitiamo le dichiarazioni di Marino Micich della Società di Studi Fiumani e direttore dell’Archivio-Museo storico di Fiume a Roma.

Assistiamo attoniti alle immagini delle fosse comuni di civili in Ucraina. I russi comunisti di oggi, rispetto agli jugoslavi di ieri, non hanno Foibe per occultare i misfatti e quindi da subito l’opinione pubblica internazionale può prendere coscienza di tanto orrore.

Quanti di noi studiano e denunciano i crimini delle Foibe, ancora oggi vengono considerati, in spregio del Giorno del Ricordo (ANPI ad esempio) visionari, fascisti e mentitori. Eppure queste stragi che operano oggi i comunisti russi, in stile KGB, sono del tutto simili alla tragedia delle Foibe. Stessa cieca logica, stessa cieca violenza, stesso orrore.

Migliaia sono i testimoni coraggiosi che fanno o hanno fatto onore al nostro Paese e a tutti coloro che si battono per una verità storica come le Foibe, riconosciute dalla Legge 92/2004 del Giorno del Ricordo.”

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.