“La Patria perduta” – Vita nel campo profughi di Laterina

La Patria perduta. Vita quotidiana e testimonianze sul centro raccolta profughi giuliano dalmati  di Laterina – 1946 -1963.  Un libro determinante  e autorevole per comprendere la tragedia e la tenacia degli Esuli Giuliani.

Luogo di dolore per gli Italiani Esuli dall’Istria, Fiume e Dalmazia costretti nel secondo dopoguerra all’esilio in Patria per sfuggire al regime totalitario jugoslavo e ai suoi criminali “processi popolari” inscenati al fine di indurre alla fuga la popolazione italiana autoctona –  il centro raccolta di Laterina così come i molti altri centri disposti in tutta Italia per accogliere i profughi fu il solo, miserevole rifugio nel quale donne, anziani, bambini, adulti, dovettero per lungo tempo vivere privi di qualsivoglia conforto mantenendo  l’onestà e il decoro che li distingueva da sempre.

 STORIA d’Italia  questa  – frequentemente ignorata cui  Elio Varutti –  autore del saggio La Patria perduta – restistuisce  onore  e visibilità  in una ricostruzione encomiabile degli eventi nazionali e  internazionali e delle complesse condizioni che per decenni gli Esuli patirono nell’indifferenza se non nell’ostilità  di molti connazionali.

La Patria perduta. Vita quotidiana e testimonianze sul centro raccolta profughi giuliano dalmati  di Laterina – 1946 -1963 Aska Edizioni info@askaedizioni.it

Recensione di Carta Adriatica.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.